Comuni in pista 2021 – Istituto Credito Sportivo

Contributi destinati al totale abbattimento della quota interessi sui mutui per il finanziamento di progetti relativi a piste ciclabili e ciclodromi.

Obiettivi

Favorire la diffusione di stili di vita sana, incrementare la pratica sportiva amatoriale a basso costo ed in sicurezza, decongestionare il traffico dei centri urbani favorendo l’utilizzo di mezzi di locomozione non inquinanti con positivi effetti sull’ambiente, stimolare la diffusione di una mobilità lenta in grado di favorire la fruizione del patrimonio culturale ed ambientale del nostro Paese.

  • Comuni, Unioni dei Comuni e Comuni in forma associata, Città Metropolitane, Province e Regioni che intendano realizzare uno degli interventi di cui all’oggetto.

  • Interventi ammissibili

    Rientrano nella misura agevolativa quegli interventi relativi alla costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento, messa a norma e in sicurezza di piste ciclabili, 

    • in sede propria
    • su corsia riservata
    • percorsi promiscui pedonali e ciclabili 

    anche in presenza di tratti in promiscuo con veicoli a motore, purché non superiori al 10% della lunghezza complessiva della pista ammessa a contributo, nelle situazioni in cui vi siano ostacoli sul tracciato ciclabile non altrimenti superabili.

    Inoltre, sono ammissibili alla misura

    • sentieri ciclabili nei parchi, lungo il mare o i laghi, lungo i fiumi o in ambiti rurali 
    • ciclodromi

     

    E’ consentito 

    • l’acquisto, la realizzazione e la ristrutturazione degli immobili relativi a strutture di supporto delle “piste ciclabili”
    • la realizzazione delle opere semaforiche, dei sottopassi e sovrappassi ciclopedonali nei casi di intersezione con le strade
    • la realizzazione delle opere di convogliamento delle acque piovane della pista ciclabile nella rete fognaria, 
    • la realizzazione degli impianti di illuminazione delle “piste ciclabili” con pali fotovoltaici e lampade a led
    • la realizzazione degli arredi delle “piste ciclabili”, delle aree sosta attrezzate, delle colonnine SOS, dei sistemi di videosorveglianza, dei sistemi per connessione wi-fi e punti di ricarica per smartphone, dei ripari e fontanelle d’acqua potabile, dei percorsi vita adiacenti alle “piste ciclabili” con relative attrezzature per esercizi sportivi all’aperto

     

    Infine, è consentita altresì l’acquisizione dell’area dove realizzare l’intervento, a condizione che sia prevista contestualmente la realizzazione dell’intervento. 

    Sono considerati prioritari gli interventi relativi a pista ciclabile che consente di collegare tra loro piste ciclabili esistenti. 

    Il richiedente dovrà presentare un progetto dell’intervento definitivo o esecutivo, regolarmente approvato. Sono ammessi a contributo anche interventi parziali (lotto funzionale) di un progetto complesso a condizione che la “pista ciclabile” realizzata sia funzionalmente autonoma, fruibile ed efficiente indipendentemente dalla realizzazione delle altre parti del progetto generale.

    L’intervento ovvero la parte di esso per il quale è chiesto il contributo non deve essere già iniziato al momento della presentazione della richiesta di ammissione a contributo. 

    Il quadro economico di spesa dell’intervento o la parte sulla quale è richiesta l’ammissione a contributo nell’ambito del presente Avviso, non deve usufruire di una precedente concessione di contributi in conto interessi del Fondo. 

     

    Spese ammissibili

    Sono considerate ammissibili le seguenti voci di costo

    • Lavori, opere civili ed impiantistiche
    • Spese tecniche per la realizzazione dell’intervento (spese di progettazione, direzione lavori, collaudi, diagnosi e certificazione energetica, ecc.)
    • Spese strettamente correlate alla realizzazione del progetto (materiali e relativa mano d’opera, ivi compresi i componenti e le strutture già realizzate in fabbrica)
    • Spese per l’acquisto di attrezzature sportive, anche riferite ad altri sport, purché connesse alla “pista ciclabile” es. area sportiva attrezzata per sport all’aria aperta limitrofa alla “pista ciclabile”
    • Spese per l’acquisto delle aree, compresi eventuali oneri per l’esproprio, sulle quali dovranno essere realizzate le “piste ciclabili”, a condizione che la realizzazione della “pista ciclabile” faccia parte del progetto o del lotto funzionale ammesso a contributo
    • Spese per l’acquisto di immobili da destinare a servizio della “pista ciclabile”
    • Spese per il rilascio dei pareri del CONI relativi al progetto o al lotto funzionale presentato;
    • I.V.A.
  • La misura prevede un’agevolazione che contempla i seguenti massimali

    1. a) per gli interventi dei piccoli Comuni (fino a 5.000 abitanti) ciascun Comune potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 2 milioni di mutui;
    2. b) per gli interventi realizzati dai Comuni medi (da 5.001 a 100.000 abitanti non capoluogo) dalle Unioni dei Comuni e dai Comuni in forma associata, ciascun ente potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 4 milioni di mutui;
    3. c) per gli interventi realizzati dai Comuni capoluogo, Comuni oltre i 100.000 abitanti non capoluogo, Città Metropolitane, Province e Regioni, ciascun ente potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 6 milioni di mutui.

     

    Per quanto attiene l’intensità e la durata dell’abbattimento, 

    • Le istanze complete della documentazione prevista per l’ammissione al Contributo, inoltrate entro il 30 ottobre 2021 potranno ottenere l’abbattimento totale degli interessi di mutui a tasso fisso della durata massima di 25 anni. Nell’ambito delle istanze complete pervenute nella stessa giornata sarà data precedenza per l’ammissione a Contributo a quelle relative ad interventi prioritari.
    • Le istanze inoltrate successivamente al 30 ottobre 2021 o completate oltre tale data, nel caso in cui il plafond stanziato sia ancora disponibile, potranno ottenere il totale abbattimento degli interessi di mutui della durata massima di 20 anni se relative ad interventi prioritari.
    • Le istanze non prioritarie inoltrate successivamente al 30 ottobre 2021 o completate oltre tale data potranno ottenere l’abbattimento del 90% degli interessi di mutui della durata massima di 20 anni.

     

    L’insieme degli enti beneficiari delle agevolazioni di cui al presente Avviso, appartenenti alla stessa Regione, potrà usufruire al massimo di 1/3 delle risorse stanziate.

    La misura massima di tasso di interesse agevolabile con il contributo per il totale abbattimento o per l’abbattimento al 90% è quella prevista dall’articolo 2 del Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 21 dicembre 2020 per le durate di 15, 20 e 25 anni.

    Scadenze

    Le domande dovranno essere presentate entro il 5 Dicembre 2021, mentre il mutuo dovrà essere stipulato obbligatoriamente entro il 31/12/2021


    Altri Bandi:    
    Bandi Europei

    Bandi Nazionali

    Bandi Regionali

    Altre notizie:
    Dall’Europa

    Dall’Italia

    Da Agemed

  • La misura prevede un’agevolazione che contempla i seguenti massimali per gli interventi dei piccoli Comuni (fino a 5.000 abitanti) ciascun Comune potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 2 milioni di mutui; per gli interventi realizzati dai Comuni medi (da 5.001 a 100.000 abitanti non capoluogo) dalle Unioni dei Comuni e dai Comuni in forma associata, ciascun ente potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 4 milioni di mutui; per gli interventi realizzati dai Comuni capoluogo, Comuni oltre i 100.000 abitanti non capoluogo, Città Metropolitane, Province e Regioni, ciascun ente potrà presentare una o più istanze nel limite massimo agevolabile per ciascuna istanza e complessivo di € 6 milioni di mutui. Per quanto attiene l’intensità e la durata dell’abbattimento, Le istanze complete della documentazione prevista per l’ammissione al Contributo, inoltrate entro il 30 ottobre 2021 potranno ottenere l’abbattimento totale degli interessi di mutui a tasso fisso della durata massima di 25 anni. Nell’ambito delle istanze complete pervenute nella stessa giornata sarà data precedenza per l’ammissione a Contributo a quelle relative ad interventi prioritari. Le istanze inoltrate successivamente al 30 ottobre 2021 o completate oltre tale data, nel caso in cui il plafond stanziato sia ancora disponibile, potranno ottenere il totale abbattimento degli interessi di mutui della durata massima di 20 anni se relative ad interventi prioritari. Le istanze non prioritarie inoltrate successivamente al 30 ottobre 2021 o completate oltre tale data potranno ottenere l’abbattimento del 90% degli interessi di mutui della durata massima di 20 anni. L’insieme degli enti beneficiari delle agevolazioni di cui al presente Avviso, appartenenti alla stessa Regione, potrà usufruire al massimo di 1/3 delle risorse stanziate. La misura massima di tasso di interesse agevolabile con il contributo per il totale abbattimento o per l’abbattimento al 90% è quella prevista dall’articolo 2 del Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 21 dicembre 2020 per le durate di 15, 20 e 25 anni. Scadenze Le domande dovranno essere presentate entro il 5 Dicembre 2021, mentre il mutuo dovrà essere stipulato obbligatoriamente entro il 31/12/2021

Inserisci i tuoi dati per richiedere informazioni

Accetto la privacy policy