Credito d’imposta beni strumentali 2020

Allegati

  • Tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti. Il credito d'imposta del 6% per gli investimenti in altri beni strumentali materiali è riconosciuto anche agli esercenti arti e professioni.
  • Supportare ed incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali.
  • Per gli investimenti in beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati è riconosciuto un credito d'imposta nella misura del:
    • 40% del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro 
    • 20% del costo per la quota di investimenti oltre i 2,5 milioni di euro e fino al limite di costi complessivamente ammissibili pari a 10 milioni di euro. 
    Per gli investimenti in beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0  è riconosciuto un credito d'imposta nella misura del:
    • 15% del costo nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 700.000. Si considerano agevolabili anche le spese per servizi sostenute mediante soluzioni di cloud computing per la quota imputabile per competenza. 
    Per investimenti in altri beni strumentali materiali, diversi da quelli ricompresi nel citato allegato A, è riconosciuto un credito d'imposta nella misura del:
    • 6% nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 2 milioni di euro.
    Il credito si applica agli investimenti effettuati a decorrere dal 1 gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020 
    Altri Bandi:     Bandi Europei Bandi Nazionali Bandi Regionali Altre notizie: Dall’Europa Dall’Italia Da Agemed
  • 31/12/2020

Inserisci i tuoi dati per richiedere informazioni

Accetto la privacy policy