Credito pubblicità – DL Rilancio – MISE

Supporto agli investimenti pubblicitari

Obiettivi

Contrastare il calo degli investimenti in ambito pubblicitario

  • Destinatari della misura sono

    • le imprese
    • i lavoratori autonomi
    • gli enti non commerciali
  • Pubblicità su 

    • giornali (digitali e cartacei)
    • televisione
    • radio

    NB

    Le spese sostenute per altre forme di pubblicità non rientrano nell’incentivo 

     

  • Credito d’imposta (in regime de minimis) da utilizzarsi in compensazione F24, nella misura del 50% del valore di tutti gli investimenti effettuati, oppure fino al 50% del valore degli investimenti incrementali effettuati, con un massimale di spesa di 60 milioni così suddivisi

    • 40 milioni di euro per investimenti pubblicitari effettuati sui giornali quotidiani e periodici, anche online 
    • 20 milioni di euro per investimenti pubblicitari effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato 

    Scadenze

    La comunicazione per l’accesso al credito d’imposta è presentata dal 1° al 31 marzo di ciascun anno.(2021-2022). La dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati è presentata dal 1° al 31 gennaio.


    Altri Bandi:    
    Bandi Europei

    Bandi Nazionali

    Bandi Regionali

    Altre notizie:
    Dall’Europa

    Dall’Italia

    Da Agemed

  • La comunicazione per l’accesso al credito d’imposta è presentata dal 1° al 31 marzo di ciascun anno.(2021-2022). La dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati è presentata dal 1° al 31 gennaio.

Inserisci i tuoi dati per richiedere informazioni

Accetto la privacy policy