Fondo Demolizioni Opere Abusive – MIMS

Contributi per l’integrazione delle risorse necessarie agli interventi di demolizione di opere abusive 

Obiettivo

Favorire la sostenibilità e la tutela ambientale del Paese.

  • Comuni nel cui territorio ricadono l’opera o l’immobile realizzati in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire. 

  • Sono considerati ammissibili gli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in assenza o totale difformità dal permesso di costruire, per i quali è stato adottato un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti. Sono incluse le spese tecniche e amministrative, nonché quelle connesse alla rimozione, trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni.

     

    La priorità sarà data a quegli abusi che riguardano edifici o ampliamenti edilizi con volumetrie pari o superiori a 450 m³ insistenti sulle seguenti aree:

    • aree demaniali o di proprietà di altri enti pubblici
    • aree a rischio idrogeologico
    • aree sismiche con categoria di sottosuolo A, B, C, D
    • aree sottoposte a tutela
    • aree sottoposte a tutela delle aree naturali protette, appartenenti alla Rete natura 2000

     

    Le risorse eventualmente disponibili all’esito dell’utilizzo prioritario ivi indicato sono utilizzate in relazione alle medesime tipologie di abusi edilizi e aree, con riferimento a volumetrie pari o superiori a 250 m³ e inferiori a 450 m³ (alle richieste riguardanti gli abusi relativi a edifici o ampliamenti edilizi con volumetria inferiore a 250 m³ possono essere destinate eventuali risorse disponibili all’esito dell’utilizzo di cui alle suddette volumetrie)

  •  

    Le somme assegnate ai Comuni per ciascun intervento sono pari al 50% del costo totale dello stesso, indicato al momento della presentazione della domanda e risultante dal quadro tecnico economico. 

    Il restante 50% è a carico del bilancio comunale o di eventuali fondi di cui i Comuni già dispongano

    Scadenze

    Le domande dovranno essere inoltrate entro le ore 12 del 15 Giugno 2021


    Altri Bandi:    
    Bandi Europei

    Bandi Nazionali

    Bandi Regionali

    Altre notizie:
    Dall’Europa

    Dall’Italia

    Da Agemed

  • Le domande dovranno essere inoltrate entro le ore 12 del 15 Giugno 2021

Inserisci i tuoi dati per richiedere informazioni

Accetto la privacy policy