Media 360° – Programma Europa Creativa – Sottoprogramma MEDIA – Commissione Europea

Contributo a pacchetti di attività relative alla facilitazione della creazione e promozione di contenuti europei e/o adozione di nuove tecnologie o attività commerciali modelli per il settore audiovisivo.

Obiettivo

Sfruttare le sinergie tra gli ecosistemi esistenti, per sviluppare ulteriore potenziale di cooperazione, per raggiungere economie di scala attraverso diverse attività supportate, creare un impatto lungo la catena del valore.

  • La misura si rivolge a persone giuridiche, pubbliche e private, attive nei settori culturali e creativi con sede in uno dei paesi ammissibili, ovvero:

    • Paesi partecipanti a Europa creativa:
    • Stati membri dell’UE (compresi paesi e territori d’oltremare (PTOM)
    • paesi extra UE:
    • paesi SEE elencati e paesi associati al Programma Europa Creativa (paesi associati) o paesi con cui sono in corso trattative per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione 

    Casi specifici

    • Persone fisiche — NON sono ammissibili le persone fisiche (ad eccezione dei lavoratori autonomi, ovvero le imprese individuali, dove la società non ha diritti legali personalità distinta da quella della persona fisica.
    • Organizzazioni internazionali — Sono ammissibili le organizzazioni internazionali. Le regole su paesi ammissibili non si applicano a loro.
    • Entità prive di personalità giuridica — Entità prive di personalità giuridica ai sensi del loro diritto nazionale possono partecipare in via eccezionale, a condizione che i loro rappresentanti hanno la capacità di assumere obblighi legali per loro conto e offrire garanzie per la tutela degli interessi finanziari dell’UE equivalente a quello offerto da persone giuridiche
    • Associazioni e gruppi di interesse — Possono partecipare gli enti composti da membri come “beneficiari unici” o “beneficiari privi di personalità giuridica”
    • Creative Europe Desks (CED) — Le organizzazioni ospitanti dei Creative Europe Desks sono ammissibili come coordinatore o beneficiario in inviti aperti, se hanno procedure per separare la gestione del progetto e le funzioni di fornitura delle informazioni e se sono in grado di dimostrare la separazione dei costi (cioè che le loro sovvenzioni ai progetti non coprono alcun costo coperto dall’altra sovvenzione). Ciò richiede quanto segue:

     

    • utilizzo della contabilità analitica che consente la gestione della contabilità analitica con chiavi di allocazione costi e codici di contabilità analitica E applicazione delle stesse chiavi e codici per identificare e separare i costi (cioè a cui attribuirli una delle due borse di studio);
    • registrazione di tutti i costi reali sostenuti per le attività oggetto dell’art due borse di studio (compresi i costi indiretti);
    • l’allocazione dei costi in un modo che porti ad un risultato equo, obiettivo e realistico.

     

    • Paesi che stanno attualmente negoziando accordi di associazione — Beneficiari dei paesi con trattative in corso (vedi elenco sopra) possono partecipare al bando e possono firmare sovvenzioni se le trattative si concludono prima della firma della sovvenzione (con effetto, se previsto nel contratto).
  • Interventi ammissibili

    I progetti dovranno coprire attività in almeno due dei seguenti segmenti:

      • Attività coperte dal sostegno “Talent and skills”. Le attività potranno essere: corsi di formazione e /o programmi basati su metodi innovativi di learning, mentoring e coaching e ricorrere all’uso delle più recenti tecnologie, con una forte attenzione all’erogazione dell’e-learning e alla creazione di MOOC.
      • Attività coperte dal sostegno “Markets and networking”. Promozione di co-produzioni europee e internazionali; accesso facilitato a eventi e mercati di settore; aumento della circolazione di opere europee in Europa e fuori dall’Europa.

     

    • Sostegno a coproduzioni internazionali

     

    • Attività coperte dal sostegno allo sviluppo e/o la diffusione di “Innovative tools and business models” per aumentare la visibilità e disponibilità di opere Europee.
    • Attività rivolte all’audience che forniscano meccanismi di cooperazione pan-europea, con l’obiettivo di stimolare l’interesse e la conoscenza di film europei, anche del patrimonio.

    Spese ammissibili

    Sono considerate ammissibili le seguenti voci di costo

    • Costi del personale (Costo unitario proprietario PMI/persona fisica)
    • Costo unitario di viaggio e soggiorno
    • Costi delle attrezzature: ammortamento
    • Altre categorie di costo:

     

    • costi per sostegni finanziari a terzi: 

     

    • ammessi per contributi; massimo importo per conto terzi 60.000 euro. 

     

    • costi indiretti: 7% dei costi diretti ammissibili (categorie A-D, eccetto costi volontari, se presenti)
    • IVA: l’IVA non detraibile è ammissibile (ma occorre tenere presente che dal 2013 l’IVA pagata dai beneficiari che siano enti pubblici che agiscono in qualità di autorità pubblica NON è idonea)
    • divers:
      • i contributi in natura gratuiti sono consentiti, ma a costo zero, ovvero non possono essere dichiarati come costi
      • kick-off meeting: i costi per il kick-off meeting organizzato dalla concessione autorità sono ammissibili (spese di viaggio per un massimo di 2 persone, biglietto di andata e ritorno a Bruxelles e alloggio per una notte) solo se l’incontro ha luogo dopo la data di inizio del progetto stabilita nella convenzione di sovvenzione; la data può essere cambiata attraverso una modifica, se necessario

    Il sostegno finanziario a terzi è consentito per le sovvenzioni alle seguenti condizioni:

    • Nelle attività legate ai “Fondi di coproduzione internazionale”:

     

    • Produzione di lungometraggi, serie TV, animazione e documentari (non sono ammissibili i cortometraggi),
    • Attività di distribuzione e strategie di promozione internazionale a migliorare la circolazione internazionale e il pubblico delle coproduzioni internazionali.
  • I progetti sostenuti devono essere conformi a quanto segue:

    • I progetti devono essere presentati da enti audiovisivi stabiliti in uno dei paesi partecipanti alla sezione MEDIA e posseduti direttamente o per partecipazione maggioritaria, da cittadini di tali paesi;
    • I progetti devono essere coprodotti con almeno un produttore di un paese che non partecipa alla sezione MEDIA;
    • La quota dei co-produttori provenienti da paesi la partecipazione alla sezione MEDIA deve ammontare ad un minimo di 20%. In nessun caso, la quota del/i co-produttore/i provenienti da paesi partecipanti al filone MEDIA can superare il 70%;
    • Nessun altro criterio di ammissibilità può essere proposto dai candidati, salvo quando connesso alla definizione di elenchi di Paesi terzi. Il finanziamento dei progetti non può, in alcun modo, essere limitato agli operatori del paese in cui si trova il richiedente.

    Scadenza

    Le domande dovranno essere inoltrate entro le ore 17 del 12 Aprile 2022.

  • Le domande dovranno essere inoltrate entro le ore 17 del 12 Aprile 2022.

Inserisci i tuoi dati per richiedere informazioni

Accetto la privacy policy