Misure di immissione di liquidità – DL Liquidità

Oggetto

a) Stanziamento di 200 miliardi di prestiti con garanzie al 70-80-90% per tutte le imprese, senza limiti di fatturato, e altri 200 miliardi di crediti destinati al sostegno dell’export; 30 miliardi per le PMI
b) Garanzie al 100% e 90% sui prestiti per le piccole e medie imprese (fino a 499 dipendenti) e i professionisti

Enti garanti 

Per a) => SACE
Per b) => Fondo di garanzia per le PMI

  • Beneficiari Fondo SACE (Garanzia Italia)

    a) PMI (con meno di 250 dipendenti), anche individuali e partite IVA, che abbiano esaurito la capacità di utilizzo del Fondo di Garanzia
    b) Imprese con meno di 5.000 dipendenti in Italia e fatturato inferiore a 1.5 miliardi
    c) Imprese con oltre 5.000 dipendenti e fatturato tra 1.5 e 5 miliardi
    d) Imprese con fatturato oltre i 5 miliardi
    e) Dal 1 Marzo e fino al 30 Giugno 2021, le Mid-Cap

    Per le imprese di cui al punto e, copertura pari al 90% del finanziamento richiesto

    Finanziamenti previsti

    ~ Per le imprese di cui al punto a => 30 miliardi e l’accesso alla garanzia rilasciata da SACE sarà gratuito
    ~ Per le imprese di cui al punto b => copertura pari al 90% dell’importo del finanziamento richiesto e procedura semplificata per l’accesso alla garanzia
    ~ Per le imprese di cui al punto c => copertura pari all’80% dell’importo del finanziamento richiesto
    ~ Per le imprese di cui al punto d => copertura pari al 70% dell’importo del finanziamento richiesto

    Per tutte, l’importo della garanzia non potrà superare il 25% del fatturato registrato nel 2019 o il doppio del costo del personale sostenuto dall’azienda. I prestiti andranno restituiti in 6 anni, con possibilità di preammortamento di 36 mesi.

    Commissioni

    ~ PMI, in rapporto all’importo garantito => 0,25% il primo anno, 0,5% il secondo e terzo, 1% dal quarto al sesto
    ~ Imprese più grandi => 0,5% dell’importo garantito il primo anno, 1% secondo e terzo, 2% dal quarto al sesto

    Beneficiari Fondo di Garanzia per le PMI

    Possono accedere al fondo

    ~ MPMI, Start up e PMI innovative
    ~ Liberi professionisti
    ~ Consorzi società di servizio alle PMI e società consortili miste
    ~ società di agenti in attività finan­ziaria, le società di mediazione creditizia e le società disciplinate dal testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, identificate dal codice ATECO K 66.21.00
    ~ soggetti beneficiari finali che svolgono una delle attività economiche rientranti nella sezione “A – Agricoltura, silvicoltura e pesca”

    È possibile inoltre presentare richieste di ammissione in favore di imprese che hanno beneficiato di un prolungamento della garanzia per temporanea difficoltà ai sensi del paragrafo D parte de VI delle Disposizioni operative, a condizione che le stesse rispettino i requisiti previsti dall’articolo 13, comma 1, lettere g-bis), g-ter) e g- quater), del DL Liquidità.

    NON possono accedere al Fondo le imprese operanti nei seguenti settori:

    ~ Industria automobilistica;
    ~ Costruzione navale;
    ~ Industria carboniera;
    ~ Attività finanziarie;
    ~ Industria siderurgica;
    ~ Fibra sintetica.
    ~ Dal 1 Gennaio 2021, enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti

    Finanziamenti previsti

    ~ garanzia al 100% per i prestiti fino a 30.000 euro (imprese e lavoratori autonomi), senza alcuna valutazione del merito di credito (basta un’autocertificazione sui ricavi) => l’impresa deve rivolgersi alla banca e chiedere il prestito, specificando che vuole la garanzia del Fondo. In alternativa può passare da un Confidi accreditato. Le banche o i Confidi potranno erogare i prestiti senza attendere il via libera del Fondo di Garanzia. Possibilità di preammortamento di 24 mesi, prestito da rimborsare a 15 anni

    ~ garanzia al 100% (90% Stato + 10% Confidi) per i prestiti fino a 800.000 euro (solo imprese, no lavoratori autonomi), con valutazione della situazione finanziaria pre crisi  => l’impresa dovrà recarsi in Banca (o presso un Confidi) e richiedere il prestito; l’istruttoria riguarderà bilanci e le dichiarazioni dei redditi, ma non prenderà in considerazione  l’andamento. Il testo non prevede invece un cap cioè un tasso minimo ne’ una durata massima del rimborso prefissata.

    ~ garanzia al 90% per i prestiti dagli 800 mila ai 5 milioni di euro (80% Stato + 10% Confidi)), con valutazione della situazione finanziaria pre crisi => L’impresa dovrà recarsi in Banca (o presso un Confidi) e richiedere il prestito; l’istruttoria riguarderà bilanci e le dichiarazioni dei redditi, ma non prenderà in considerazione l’andamento. I prestiti che rientrano in questa categoria devono essere rimborsati in 6 anni

    Per i finanziamenti oltre i 30.000 euro e fino ad 800.000, è previsto che:
    • la garanzia sia rilasciata con la possibilità per le imprese di avvalersi di un preammortamento fino a 24 mesi;
    • nel caso di garanzia pubblica all’80% (con possibilità di coprire il restante 20% con i Confidi), i finanziamenti potranno essere restituiti fino a 30 anni.Tutti i prestiti possono essere rinegoziati, ma devono ammontare ad almeno il 25% del debito rimanente.
  • Per tutte le operazioni del Fondo, fino al 30 Giugno 2021, l’accesso è 

    ~ gratuito => per i prestiti fino a 30 mila euro le Banche possono applicare un tasso di interesse (sulla garanzia diretta) o un premio complessivo di garanzia (se c’è una riassicurazione). Il tasso di interesse non dovrà essere superiore allo 0,20% aumentato del valore, se positivo, del tasso di Rendistato con durata analoga al finanziamento stesso

    ~ Automatico => La Banca potrà erogare il finanziamento con la sola verifica formale del possesso dei requisiti, senza attendere l’istruttoria del Gestore del Fondo

    L’importo della garanzia non potrà superare 

    ~ il 25% del fatturato registrato nel 2019 (per prestiti fino a 30 mila e quelli fino a 800 mila)

    Per prestiti oltre gli 800 mila, e fino a 5 milioni, l’importo della garanzia non potrà superare

    ~ il 25% del fatturato registrato nel 2019
    ~ il doppio del costo annuo del personale: 2019 o ultimo anno disponibile (se l’impresa è nata dopo il primo gennaio 2019, si calcola il costo salariale annuo previsto nei primi due anni di attività)
    ~ il fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per il costo di investimenti nei successivi 18 mesi per le PMI e nei successivi 12 mesi per le imprese fra 250 e 499 dipendenti

    E’ possibile il cumulo della garanzia del Fondo con altre garanzie per le operazioni di investimento immobiliare nei settori turistico – alberghiero e delle attività immobiliari, con durata minima di 10 anni e di importo superiore a euro 500.000

    NB

    Possono richiedere il credito anche le imprese che

    ~ dopo il 31 dicembre 2019, sono state ammesse al concordato con continuità aziendale, quelle che hanno siglato accordi di ristrutturazione e anche le imprese che hanno presentato un piano attestato
    ~ presentano, alla data della richiesta di garanzia, esposizioni nei confronti del soggetto finanziatore classificate come “inadempienze probabili” o “scadute o sconfinanti deteriorate”

    Il Fondo non finanzia direttamente le imprese, ma utilizza i seguenti strumenti

    Garanzia diretta

    La garanzia diretta viene concessa direttamente dallo Stato su richiesta dei soggetti finanziatori (banche e intermediari finanziari) per lo sviluppo delle PMI. In questo caso l’impresa che necessiti di un finanziamento può richiedere alla banca di garantire mediante il Fondo. L’attivazione di questa garanzia non è rischiosa per la banca in quanto, in caso di insolvenza dell’azienda, l’istituto finanziario sarà risarcito dal Fondo pubblico. In caso di esaurimento fondi, la banca verrà ripagata direttamente dallo Stato.

    Rassicurazione e controgaranzia

    La controgaranzia è la garanzia prestata dal Fondo su richiesta dei soggetti garantiti (Confidi e altri Fondi di Garanzia). In questo caso l’impresa si rivolge a un Confidi che si occupa dell’invio della domanda di controgaranzia al Fondo Centrale.

Inserisci i tuoi dati per richiedere informazioni

Accetto la privacy policy