DL recovery: ok dal governo

Il Consiglio dei ministri ha approvato il testo del DL “Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”, contenente riferimenti e norme abilitanti attuative relative all’implementazione del PNRR.

In particolare, attraverso il ricorso alla leva finanziarie sono state aumentate le risorse a favore del comparto turistico, che vede adesso i 2.4 miliardi previsti nel quadro del PNRR salire potenzialmente a 6.9 miliardi (di cui beneficeranno soprattutto Hub Turismo digitale e Fondo competitività imprese turistiche).

Ancora, secondo la bozza del DL, l’esecutivo si è concentrato tra gli altri sui seguenti punti

• – Creazione di una nuova compagine, Difesa SpA, che assumerà il ruolo di “centrale di committenza, per l’espletamento delle procedure di gara relative all’infrastruttura” del Cloud Nazionale;

• – Nascita del Fondo per la Repubblica digitale al fine di supportare la formazione 2.0 della popolazione;

• – Creazione di uno sportello unico digitale cui afferiranno tutte le autorizzazioni ZES;

• – Ecobonus fino all’80% per la ristrutturazione degli alberghi (limite massimo 100.000 euro, e comunque non oltre il 50% delle spese sostenute);

• – Creazione di una sezione Turismo all’interno del Fondo centrale di garanzia;

• – Credito d’imposta al 50% per lo sviluppo digitale di agenzie e tour operator.