Fondo ristori e ristori bis: dal Governo nuovi fondi contro la crisi

È stata approvata la bozza che Palazzo Chigi intende presentare in Parlamento come emendamento al DL c.d. Ristori, pubblicato alla fine di Ottobre. 

Le novità sono pensate per dare maggiore incisività all’azione messa in campo per sostenere gli operatori commerciali colpiti per l’ennesima volta da nuove restrizioni (quelle del DPCM del 3 Novembre) dovute alla recrudescenza dell’evento pandemico nel nostro Paese, e danno spazio a diversi aggiornamenti, tra cui

~ Contributi a fondo perduto => per le zone rosse, sono aggiornati gli elenchi di beneficiari che hanno diritto al contributo a fondo perduto (57 nuove categorie ATECO); per le zone rosse ed arancioni, bar, pasticcerie e gelaterie passano dal 150 al 200%; 19 nuove categorie ATECO entrano nella fascia tra il 100% ed il 200%, e due nella nuova fascia al 50%; contributi per negozi colpiti dalla chiusura dei centri commerciali e per le industrie alimentari (30% di quanto avuto in estate o di quanto previsto dal DL Ristori)

~ Credito d’imposta per gli immobili ad uso non abitativo e affitto d’azienda => per le imprese che operano nelle zone rosse ed arancioni viene esteso ai mesi di ottobre, novembre e dicembre ed allargato alle imprese con ricavi superiori ai 5 milioni di euro che abbiano subito un calo del fatturato del 50%. Il relativo credito è cedibile al proprietario dell’immobile locato

~ Sostegno alla filiera agricola, pesca e acquacoltura => È prevista la totale decontribuzione anche per il mese di dicembre per le imprese interessate dal primo decreto-legge Ristori, attive nei settori della filiera agricola, della pesca e dell’acquacoltura.

 

~ Sostegno al terzo settore => Fondo straordinario per dare sostegno gli operatori del III settore che non rientrano fra beneficiari del contributo a fondo perduto: organizzazioni di volontariato, associazione di promozione sociale, organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

 

~ Sospensione contributi previdenziali => per il mese di Novembre nelle zone gialle, e Novembre e Dicembre nelle zone arancioni e rosse

~ Sospensione delle ritenute alla fonte e dei pagamenti IVA => per il mese di novembre

~ Rinvio del secondo acconto Ires e Irap => per i soggetti a cui si applicano gli Isa Nei confronti dei soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale e che operano nelle aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto, viene disposta la proroga al 30 aprile 2021

~ Cancellazione seconda rata IMU => per le imprese che operano nelle zone rosse ed arancioni, in relazione agli immobili e alle pertinenze in cui si svolgono le loro attività è cancellata per le categorie interessate dalle restrizioni

~ Rinvio del secondo acconto Ires e Irap => per i soggetti a cui si applicano gli Isa

~ Trasporto pubblico locale => La dotazione del fondo per il trasporto pubblico locale è incrementata di 300 milioni di euro per il 2021, 100 dei quali possono essere utilizzati anche per servizi aggiuntivi destinati anche agli studenti